Tribunale permanente dei popoli e Fondazione Lelio e Lisli Basso

 Il genocidio del popolo Rohingya

Diritto internazionale e giurisdizione penale internazionale

Roma, 10 dicembre 2018

Sala della Lupa, Camera dei deputati

Palazzo Montecitorio, Piazza Montecitorio

(Scarica il programma e la locandina)

Nel giorno che ricorda i 70 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, la Fondazione Lelio e Lisli Basso, di cui il Tribunale permanente dei popoli (TPP) è espressione, convoca presso la Sala della Lupa della Camera dei deputati la conferenza internazionale sul tema dei limiti e delle prospettive del diritto internazionale con riferimento al genocidio in corso del popolo dei Rohingya. Il Myanmar è oggi al centro di un conflitto tra grandi potenze mondiali per interessi strategici, economici e militari.

Il giudizio di genocidio era stato formulato dal TPP nella sessione svoltasi in Malesia nel settembre 2017, quando ancora la comunità degli Stati e le istanze di diritto internazionale si rifiutavano di riconoscere la gravità di ciò che stava succedendo. Il protrarsi delle azioni criminali contro i Rohingya ha portato al recente riconoscimento del genocidio, incluso anche nell’agenda della Corte penale internazionale.

La conferenza del 10 dicembre intende fare il punto sulla qualificazione dei crimini commessi e di quelli ancora in atto e sulle azioni da intraprendere urgentemente affinché tempi e modi di riconoscimento dei diritti fondamentali del popolo Rohingya non determinino ulteriori sofferenze. È sempre più pressante l’esigenza di trovare soluzioni praticabili alla crisi prima che sia troppo tardi.

Il popolo Rohingya è drammaticamente divenuto il simbolo della incapacità delle agenzie internazionali di applicare il “mai più” della Dichiarazione universale. La tragedia di quel popolo illustra in modo chiaro ciò che sta accadendo in tanti altri angoli del mondo: la difficoltà, talora l’inefficacia del diritto internazionale a divenire criterio di orientamento della politica e strumento di protezione dei popoli e delle persone da gravi violazioni dei diritti all’esistenza, alla vita, al sostentamento e alla pari dignità. Alla rassegnazione e all’impotenza, vogliamo contrapporre l’impegno per stimolare una vigile e più attiva opinione pubblica internazionale capace di intraprendere con determinazione la lotta per il rispetto e la tutela dei diritti fondamentali.

 

Per info: ppt@permanentpeoplestribunal.org

 

""