Il Tribunale Permanente dei Popoli (TPP) ha inaugurato la Sessione su Transnational Corporations in Southern Africa il 16 e 17 agosto 2016 a Manzini, Swaziland, prendendo in esame le conseguenze dell’industria estrattiva e del land grabbing in Swaziland, Zimbabwe, Sud Africa, Zambia e Mozambico. I casi ascoltati, le testimonianze e le analisi degli esperti hanno documentato l’esistenza di gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani fondamentali di numerose comunità africane (Scarica la Dichiarazione del TPP dell’agosto 2016).

Il 17 e 18 agosto 2017, il Tribunale si è riunito nuovamente a Johannesburg per la seconda Sessione, durante la quale sono stati presi in esame sette nuovi casi e ascoltate le analisi degli esperti che hanno ricostruito il quadro normativo, politico e sociale che determinano l’ampio spettro di violazioni documentate e presentate alla giuria del TPP. La decisione del Tribunale relativa alla seconda tappa del processo di indagine, è disponibile a questo link in lingua inglese (Scarica la Decisione del Tribunale dell’agosto 2017).
La Sessione si concluderà in Namibia nel mese di agosto 2018.

""